20 anni on-line
cerca nella categoria
parole da ricercare
Cerca per codice
Codice
AUGURI DI BUON NATALE

Gli uffici saranno chiusi
dal 23 dicembre al 7 gennaio

BUONE FESTIVITÀ
A TUTTA LA NOSTRA
AFFEZIONATA CLIENTELA

Filatelia

Libreria Filatelica

Catalogo generale
aggiornato on-line ogni settimana

Filatelia e storia postale, cartoline, cataloghi, colonie, falsi, fiscali, guide e manuali, posta aerea, marittima e militare, prefilatelia, tariffe postali, tematica, numismatica e collezionismo.

Sfoglia il catalogo

Ultimo aggiornamento: 07/12/2017
selezione attiva
FISCALI annulla selezione
I FRANCOBOLLI DEL DUCATO DI MODENA
E DELLE PROVINCIE MODENESI
E LE MARCHE DEL DUCATO STESSO PEI GIORNALI ESTERI
Emilio Diena

Ristampa del "trattato scientifico" originale sui francobolli di Modena, che il Grande Maestro della filatelia italiana, Emilio Diena, diede alle stampe nel 1894.
Studio particolareggiato, basato non solo sui decreti e sui regolamenti postali, ma anche sull'esame dei carteggi ufficiali e dei registri amministrativi, di centinaia di lettere e giornali recanti i francobolli e le marche modenesi, la presente monografia è ancora un valido punto di riferimento, indispensabile per chi poco conosce del Ducato di Modena e di notevole interesse per gli amatori.
Arricchiscono il volume tre tavole in eliotipia e quattro in zincografia.
Prefazione alla ristampa di Enzo Diena.

ISBN: 88-85335-67-5
978-88-85335-67-7
Cod. 1537E
- EUR 20,00

PREZZO SPECIALE - originale EURO 25,00!

256 pp. - formato cm 17x24 - brossura - rist. 1984 - 2a ed. 2002 - rist. 2011
collana "Ritrovati"
In italiano

LOMBARDO VENETO 1854-1858
Le marche da bollo usate per posta, annullamenti e affrancature
Helmut Avi

Studio approfondito con cenni storici, riproduzioni di documenti originali, tariffe postali, uffici postali, valutazioni, illustrazioni a colori e b/n. Catalogazione in ordine alfabetico per località delle marche da bollo usate per posta, delle affrancature e degli annullamenti.

Cod. 62E
- EUR 15,00

ULTIME COPIE!

453 pp. - ril. con sovracc. a colori - ed. 1982
VALUTAZIONI IN LIRE
In italiano e tedesco

LA CARTA BOLLATA NEL DUCATO DI SAVOIA,
REGNO DI SICILIA, REGNO DI SARDEGNA E TERRITORI ANNESSI 1694 -1861
Giorgio Piccino

Frutto di ampie e approfondite ricerche in numerosi archivi pubblici e privati, relativamente a editti, bandi, leggi, documenti di carattere storico, bolli ordinari e straordinari, bolli per cambiali, per giornali, affissi, avvisi, filigrane, questo studio comprende la storia del territorio dall'introduzione della carta bollata all'unità d'Italia e la storia della carta bollata, incluso il periodo di transizione dal 1861 al 1864.

Cod. 1811E
- EUR 25,00

302 pp. - ill. b/n - brossura - ed. 2004
VALUTAZIONI IN PUNTI
In italiano

MARCHE DA BOLLO D'ITALIA 1863-1957
E DELLE COLONIE ITALIANE D'AFRICA 1911-1943
Trattato storico sugli usi postali e fiscali
Catalogo con valutazioni
Fortunato Marchetto

Valutazioni in euro per nuovo, uso postale, uso fiscale.
Opera completa, aggiornata e ampliata rispetto all'edizione precedente (200 pagine in più!), illustra le marche da bollo, riprodotte a dimensione naturale, del Regno d'Italia e del primo periodo della Repubblica italiana, dal 1863 al 1957, e delle Colonie Italiane d'Africa (Libia, Eritrea, Somalia), per la prima volta catalogate.
Ogni emissione è accompagnata da una breve descrizione delle marche da bollo e dai relativi decreti di emissione che ne spiegano le motivazioni e le caratteristiche. L'analisi che viene fatta delle singole marche riguarda sia l'uso postale sia l'uso fiscale delle stesse. Le valutazioni sono state aggiornate e trasformate in euro e sono accompagnate dal grado di rarità delle singole marche da bollo. Quest'opera risulta essere il catalogo più specializzato in quanto riporta le quotazioni per il nuovo e per l'uso sia postale sia fiscale.

Nuova suddivisione in sette parti, ciascuna di approfondimento di una funzione specifica, aggiornate e ampliate: marche da bollo a tassa fissa, per concessioni governative e atti amministrativi, per cambiali, per oggetti di lusso e sugli scambi, per l'imposta generale sull'entrata, per trasporto di cose con automezzi, per le colonie italiane dell'Africa.

IMPORTANTI NOVITÀ RISPETTO ALLE EDIZIONI PRECEDENTI:
- aggiornamento e ampliamento dei capitoli già presenti;
- inserimento di nuovi studi inediti sulle marche da bollo per concessioni governative e atti amministrativi e per le colonie italiane dell'Africa;
- aggiornamento delle valutazioni, nuovo, uso postale, uso fiscale;
- trasformazione delle valutazioni in euro.

ISBN: 88-85335-74-8
978-88-85335-74-5
Cod. 1690E
- EUR 43,00
Offerta speciale
EUR 25,80

648 pp. - oltre 600 ill. b/n - formato cm 17x24 - brossura - 3a ed. 2004 (1a edizione 1986) - rist. 2005
collana «gli Utili»
VALUTAZIONI IN EURO
In italiano

ANCHE IN OMAGGIO (classe C)

I FISCALI DEL DODECANESO
Michele S. Petradakis

In questo studio, risultato di un lavoro di ricerca di tanti anni, viene esaminata la storia "dei fiscali" nelle isole del Dodecaneso, dal periodo del loro primo uso nei territori occupati dall'Impero Ottomano fino ai nostri giorni.
Le marche da bollo, applicate su vari documenti, e la carta da bollo, con prestampato il valore della tassa, appartengono alla famiglia delle "tasse di bollo" di solito emanate e vendute dallo stato e usate come mezzo di accertamento del pagamento della somma descritta.
Oltre allo scopo principale, la presenza e l'evoluzione delle marche da bollo rispecchiano la storia economica di ogni paese; e per ciò il tentativo di una loro raccolta presenta particolare interesse, soprattutto quando la loro presenza è collegata con documenti dell'epoca.

Cod. 1790E
- EUR 48,00
Offerta speciale
EUR 9,60

SCONTATISSIMO! ULTIME COPIE AD ESAURIMENTO!

200 pp. + 16 pp. di valutazioni - ill. a colori - brossura - ed. 2005
In allegato VALUTAZIONI PER GRADO DI RARITÀ
In italiano e greco

ANCHE IN OMAGGIO (classe B)

CARTA BOLLATA E MARCHE DA BOLLO
DEL REGNO LOMBARDO VENETO e dei TERRITORI ITALIANI passati all'IMPERO AUSTRIACO
in uso dal novembre 1813 al 1871 - CON VALUTAZIONI
Fortunato Marchetto

Questa seconda edizione è stata indirizzata alla ricerca ed allo studio degli usi della carta bollata e delle marche da bollo dell'Austriaco Regno Lombardo-Veneto, ma anche di quelle in uso nei territori italiani, confinanti con esso e raggruppati nei Kronland, passati direttamente dal Regno d'Italia napoleonico all'Impero Austriaco, dal novembre 1813 al 1871. Rispetto all'edizione precedente, oltre agli aggiornamenti effettuati, comprendenti la conversione delle valutazioni da lire a euro, e alla riorganizzazione del materiale, una nuova parte è stata aggiunta per approfondire il discorso sulle marche da bollo in kreuzer e fiorini usate nei Kronland, segnate sotto il prezzo colle lettere C.M. (Monete di Convenzione).
Il presente lavoro è suddiviso nelle seguenti parti.
1) Carte bollate e monetazione cartacea usate subito dopo la caduta di Napoleone e prima dell'inizio del Congresso di Vienna, cioè nel "periodo transitorio" dell'austriaco Regno Lombardo-Veneto dal 1813 al 1815.
2) Carte del Regno Lombardo-Veneto bollate con bolli ordinari, straordinari e di controlleria, e usate per atti civili, amministrativi, e giudiziari nel periodo successivo alle decisioni del Congresso di Vienna e cioè dal 1815 al 30 ottobre 1854, mese in cui se ne ordinò la soppressione, anche se ne fu tollerato l'uso fino alla fine del 1858.
3) Marche da bollo "italiane" usate dal novembre 1854 a tutto il 1859 nel Regno Lombardo-Veneto e poi dal 1859 al 1866 nel Regno Veneto con valore prima in centesimi e lire austriache, poi in kreuzer e fiorini e in soldi e kreuzer.
4) Marche da bollo di transizione "austro-italiane" e "italo-austriache" dal 1866 al 1870, valutate in fiorini e lire italiane ed in lire e fiorini.
5) Marche da bollo in kreuzer e fiorini, segnate sotto il prezzo colle lettere C.M. (Monete di Convenzione), usate nei territori italiani (detti Kronland), staccati dal Regno Lombardo-Veneto e attribuiti direttamente all'Impero Austriaco per decisione del Congresso di Vienna nel 1815.
Una sezione dedicata a varietà, rarità e curiosità conclude il volume.

Dopo la sconfitta delle armate francesi, sia nel Regno di Sardegna, sia in Lombardia che nel Veneto, si continuò per qualche tempo ad usare la stessa carta bollata napoleonica, finché, esaurite le scorte e provveduta la nuova carta recante le nuove filigrane e bollata coi nuovi bolli delle nuove amministrazioni, non fu proibito l'uso dell'antica carta bollata e fu imposto l'uso della nuova appena fabbricata.
Per quanto riguarda il Regno di Sardegna vennero rimesse in circolazione le vecchie carte bollate del Regno di Sardegna, poi sostituite dalle carte bollate del Regno d'Italia. Nel Regno Lombardo-Veneto, poiché per ragioni militari e politiche si erano formate due distinte amministrazioni regionali (Milano e Venezia), spesso in contrasto tra loro per antiche e recenti rivalità, fu inizialmente concessa dall'Imperiale Regio Governo la libertà di adattare alcune leggi generali (valevoli per tutto l'Impero Austriaco) alle specifiche necessità delle singole Regioni. In particolare nel caso della carta bollata, nei primi tempi, fu permesso l'uso di carte filigranate e bollate con bolli e con filigrane diverse per le due amministrazioni, pur senza renderne obbligatorio l'uso esclusivo in una o nell'altra delle due Regioni. Pertanto, nella descrizione e nella numerazione che seguiranno, verranno evidenziate, di volta in volta, le particolarità concernenti le singole Regioni.
Alla fine del 1854 le carte bollate furono soppresse e sostituite dalle artisticamente splendide nuovissime "marche da bollo italiane".

ISBN: 978-88-85335-96-7
Cod. 2202E
- EUR 28,00
Offerta speciale
EUR 16,80

280 pp. - 514 ill. b/n - formato cm 17x24 - brossura - 2a ed. 2009
collana «gli Utili»
CON VALUTAZIONI
In italiano

LA POSTA DEI COMUNI
Le marche municipali
dalla I Guerra alla RSI
Andrea Frassineti e Tommaso Tagliente

Nel Paese devastato dalle guerre il servizio di posta statale funziona a singhiozzo, quando addirittura non si paralizza.
Ed è proprio in questa situazione di smarrito isolamento che sindaci intraprendenti di molti Comuni s'ingegnano per far fronte alle carenze nel servizio postale. Gli addetti alla distribuzione della corrispondenza vengono così retribuiti mediante tasse appositamente create, che il ricevente deve versare al momento della consegna. Alcuni Comuni si ingegnano al punto di emettere valori speciali sul tipo delle marche municipali. E c'è chi ricorre, grazie all'aiuto di filatelisti, alla sovrastampa di francobolli già esistenti. In ogni caso i Comuni, con le trovate più diverse, fanno fronte autonomamente al disservizio e all'emergenza bellica. Assicurando ai cittadini una corrispondenza puntuale e regolare, perfino nelle zone più isolate e abbandonate.
La "lettura" dei francobolli e l'attività di uffici postali improvvisati, in quei giorni affamati e drammatici, costituiscono un ponte culturalmente assai interessante per transitare da una storia "minore" come quella della filatelia alla viva comprensione dei grandi eventi che hanno segnato il nostro Paese.

Cod. 2453E
- EUR 12,00

64 pp. - ill. a colori - brossura - ed. 2013
In italiano

ITALY REVENUES
John Barefoot

MARCHE DA BOLLO ITALIANE

Catalogo delle marche da bollo italiane (dagli Antichi Stati alle emissioni in euro), Colonie incluso B.O.I.C. e periodo moderno delle ex-colonie, Egeo, Dalmazia, Fiume, Occupazioni delle Seconda guerra mondiale, Campione, San Marino, Trieste, Vaticano.

Cod. 2494E
- EUR 50,00

174 pp. - ill. a colori - brossura - ed. 2013
VALUTAZIONI IN GB £
In inglese

LE MARCHE MUNICIPALI D'ITALIA
Dalla loro introduzione fino alla fine del 1881
M.Carlo Diena

Traduzione dallo studio originale, pubblicato in Francia nel 1883, sulle marche fiscali emesse dai municipi d'Italia dal 1865, anno della loro introduzione per la riscossione delle tasse da parte degli impiegati dei municipi, al 1881.
Non essendo regolata l'emissione delle marche da decreti ufficiali, risultano quasi inesistenti documenti ufficiali quali decreti, notificazioni al pubblico, o disposizioni manoscritte. Le preziose informazioni raccolte in questo volume sono il frutto della ricerca e dell'analisi di documenti quali lettere e fatture dei litografi e degli incisori, e delle testimonianze di impiegati.
Le marche fiscali sono presentate in ordine alfabetico per regione, seguendo la suddivisione del Regno d'Italia del tempo (Piemonte, Liguria, Lombardia, Venezie, Emilia, Marche, Umbria, Toscana, Lazio, Abruzzi e Molise, Campania, Puglie, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna), con la relativa riproduzione e una scheda tecnico-descrittiva. Al termine dell'opera due indici per la ricerca veloce, uno in ordine alfabetico e uno in ordine per regione.

ISBN: 88-85335-66-7
978-88-85335-66-0
Cod. 1499E
- EUR 25,00

118 pp. - ill. b/n - formato cm 17x24 - brossura - ed. 2002 - 1a rist. 2011
collana "Ritrovati"
In italiano

ANCHE IN OMAGGIO (classe C)

UNIFICATO - CATALOGAZIONE E QUOTAZIONE
DELLE MARCHE DA BOLLO 2016/2018
Antichi Stati, Regno e Repubblica Italiana, San Marino, Vaticano, Trieste, Fiume, Colonie italiane, Occupazioni
a cura di Fabrizio Balzarelli

In questa nuova edizione sono stati inseriti capitoli nuovi e sono state apportate modifiche anche in settori che sembravano ormai consolidati perché sono stati inseriti valori non conosciuti sono ad ora.
In diversi settori è stato necessario aggiornare la numerazione di catalogazione sia per l'introduzione dei nuovi valori sia per una nuova disposizione cronologica.
Continuano a essere catalogati anche esemplari che non si possono chiamare propriamente marche quali contrassegni, etichette, bolli di quietanza e comunali.

Cod. 1668E
- EUR 34,00

512 pp. - ill. a colori - brossura - 5a ed. 2016
In italiano