20 anni on-line
cerca nella categoria
parole da ricercare
Cerca per codice
Codice
AUGURI DI BUON NATALE

Gli uffici saranno chiusi
dal 23 dicembre al 7 gennaio

BUONE FESTIVITÀ
A TUTTA LA NOSTRA
AFFEZIONATA CLIENTELA

Filatelia

Made in Vaccari

Le ultime novità pubblicate dalla nostra casa editrice

Ultimo aggiornamento: 07/12/2017

GLI UTILI

IL NUOVO GAGGERO
Catalogo dei bolli tondo-riquadrati
del Regno d'Italia
2016
Daniele Prudenzano

PREMESSA
Nel 2002, a firma di Bruno Crevato-Selvaggi con la mia collaborazione, era uscita la prima edizione di questo lavoro. Lo scopo era quello di riordinare e pubblicare quanto noto e nel frattempo scoperto al fine di rinnovare l'interesse per lo studio dei bolli tondo-riquadrati e di ampliare la conoscenza della storia postale di un periodo (1890-1920) in cui il servizio postale vide un grande sviluppo e di conseguenza la creazione di numerosi uffici.
Risultato pienamente riuscito con una risposta da parte dei collezionisti che si è concretizzata in diverse pubblicazioni a livello regionale e provinciale di ottimo livello e con la collaborazione di parecchi collezionisti che hanno avuto la pazienza di inviarmi o farmi visionare le loro collezioni rendendo indispensabile un aggiornamento del catalogo. In totale, sono state reperite 1.243 nuove impronte.
Dopo 14 anni, si è quindi deciso di procedere con una seconda edizione dell'opera, che viene realizzata a mia firma e che cataloga ben 8.204 bolli.

Sono state corrette alcune imprecisioni e sono stati rivisti alcuni punteggi, anche se molto è ancora da cambiare essendo un mercato in fase di evoluzione. Avendo, inoltre, disponibilità di molto materiale, in parecchi casi si è potuto coprire lunghi periodi confrontando i bolli e determinando i diversi tipi usati nel periodo.
Si è deciso di mantenere l'impostazione della prima edizione che ricalca la classificazione del Gaggero; le innovazioni apportate sono di tipo descrittivo per migliorare la ricerca e l'identificazione dei bolli.
1) Le date inserite indicano il periodo d'uso finora noto, ma hanno un significato ancora più importante in quanto certificano l'esistenza del bollo che è stato sicuramente visto in uso negli anni indicati. La mancanza della data permette di riconoscere i bolli che non sono ancora stati reperiti visivamente pur essendo indicati nella letteratura consultata.
Per gli annulli colorati si riporta la data con giorno e mese al fine di conoscere il periodo in cui l'ufficio postale rimase senza il colore nero; nel caso una data sia accompagnata dalla parola "segnalato" vuol dire che del bollo non è stata vista la rappresentazione fisica.
Ancora con giorno e mese si indicano quegli annulli particolari, finora trovati, che nelle grandi città avrebbero dovuto avere il datario con ore e che, sia per la rottura del datario, sia per una dimenticanza dell'ufficiale postale o per altri motivi, sono stati usati senza la suddetta indicazione (a volte anche con mese lettere).
2) Vista inoltre la particolare conformazione dell'annullo, formato da una corona superiore e da una inferiore, per il tipo N-NO si è voluta evidenziare la divisione separando nella descrizione le due parti mediante "un punto e virgola" al fine di facilitare il riconoscimento dei vari annulli che a volte variano solo per piccoli particolari.
3) È stata modificata la numerazione per mantenere omogeneità nella ricerca dei bolli come nella prima edizione al fine di permettere una ricerca veloce del bollo nel catalogo.

In particolare ritengo vi sia molto da aggiornare sulle date che sono state indicate solo con il primo e l'ultimo anno fisicamente visto; risulta quindi molto comune il ritrovamento di una estensione del periodo d'uso. Per i diversi tipi vi è ancora parecchio lavoro da fare in quanto, pur avendo visionato una grande quantità di impronte, è facile trovarne di nuove. Per gli uffici penso se ne possano ancora trovare diversi nelle provincie dell'Italia meridionale data la minor quantità di materiale pervenutomi; interessanti scoperte sono ancora da fare fra gli uffici succursali delle grandi città, normalmente nei cassetti dei collezionisti per la qualità delle affrancature; sorprese infine si possono avere dagli ambulanti per le numerose linee aperte dalle ferrovie nel periodo.

D'accordo con Bruno Crevato-Selvaggi, che qui ringrazio, quest'edizione esce con il testo introduttivo all'epoca da lui redatto integrato con tutte le novità adottate per questa edizione. In questo modo abbiamo inteso privilegiare, com'è giusto che sia, la comodità del lettore che può usufruire di un unico testo aggiornato. Idealmente, quindi, il testo che segue è a doppia firma.

Buona lettura e buona collezione a tutti!

Nuovo
ISBN: 978-88-96381-14-4
Cod. 2650E
- EUR 30,00

296 pp. - ill. b/n - formato cm 17x24 - brossura - 2a ed. 2016
collana «gli Utili»
VALUTAZIONI IN PUNTI
In italiano