cerca nella categoria
parole da ricercare
Cerca per codice
Codice
Cerca per editore
editore

Filatelia

la Libreria Storica

Testi di storia militare contemporanea, compresa una selezione dei volumi pubblicati dagli Stati Maggiori italiani, di Esercito, Marina e Aeronautica Militare.


Ultimo aggiornamento: 11/07/2019
selezione attiva
STORIA MILITARE
1 GUERRA MONDIALE annulla selezione
SME - GLI ALLEATI IN ITALIA DURANTE
LA PRIMA GUERRA MONDIALE (1917-1918)
Mariano Gabriele

Dopo Caporetto, 11 divisioni francesi e britanniche vennero trasferite sul teatro di guerra italiano, dove presero posizione in pianura e nelle retrovie, assumendo il ruolo di riserve «in being». Così Diaz poté schierare in prima linea tutti i reparti italiani per sostenere e vincere la lunga battaglia d'arresto del novembre-dicembre 1917. Stabilizzata la linea Altipiani-Grappa-Piave, la riorganizzazione del R. Esercito nel 1918 si avvalse anche delle esperienze maturate dagli Alleati sul fronte occidentale, che contribuirono al miglioramento dell'addestramento e delle tattiche in uso in Italia.
In seguito alla ripresa offensiva tedesca, nel marzo tornarono in Francia 6 divisioni alleate, cui si affiancò il II corpo d'Armata italiano. Le 5 rimaste - 3 britanniche e 2 francesi - presero parte alle due grandi battaglie che decisero la guerra sul fronte italiano. E se la loro partecipazione fu abbastanza modesta in quella di mezzo giugno (Solstizio), i reparti alleati ebbero tuttavia modo di distinguersi nelle operazioni finali che vanno sotto il nome di Vittorio Veneto, dallo sfondamento sul Piave all'inseguimento dell'avversario battuto.
La presenza militare alleata in Italia - come quella italiana in Francia - si incrociò, naturalmente, con la politica estera della coalizione, sia nei rapporti interalleati che in quelli col nemico, che furono talvolta contraddittori e non di rado animati da divergenze di vedute e da una forte dialettica interna per quanto concerne l'Intesa, una dialettica che non si sarebbe estinta nemmeno con la vittoria.

Cod. 3014E
- EUR 25,00
Offerta speciale
EUR 21,25

STORICO

537 pp. - 62 ill. b/n - ril. con sovracc. - ed. 2008
In italiano
SME - Stato Maggiore dell'Esercito, Ufficio Storico

ALI SULLE TRINCEE
Ricognizione tattica ed osservazione aerea
nell'aviazione italiana durante la Grande Guerra
Basilio Di Martino

La Grande Guerra, che per quattro anni insanguinò l'Europa, sconvolgendone equilibri e fisionomia, vide il primo, prepotente sviluppo dell'aviazione con la nascita delle tre specialità classiche della caccia, del bombardamento e della ricognizione. Le prime due furono protagoniste di un'evoluzione non solo tecnica ma anche dottrinale che sarebbe stata poi alla base della costituzione dell'Aeronautica come forza armata indipendente.

Cod. 3092E
- EUR 24,00
Offerta speciale
EUR 20,40

STORICO

309 pp. - ill. e cartine b/n - ril. con sovracc. a colori - ed. 1999
In italiano
Aeronautica Militare, Ufficio storico

LA GRANDE GUERRA SOPRA LE CRODE
I PRIMI VOLI DEL XII GRUPPO
TRA LE DOLOMITI BELLUNESI
Paolo Turchetto

La Grande Guerra sopra le Crode racconta la storia degli uomini e dei mezzi delle Squadriglie del XII Gruppo che, durante la prima guerra mondiale, dovettero affrontare per la prima volta le durissime difficoltà del volo sopra le Crode, le maestose montagne tragico teatro di tante battaglie tra i nostri soldati della IV Armata e quelli dell'esercito austriaco. Aeroplani rudimentali, costruiti con legno e tela, con motori spesso inaffidabili, vennero condotti da uomini coraggiosi oltre i quattromila metri, sopra le linee nemiche, in balia delle armi e delle difficoltà ambientali, per effettuare la missione al tempo più importante: la ricognizione.
Uomini del calibro di Felice Porro, Natale Palli, Aldo Finzi, Arturo Dell'Oro, con i loro voli nei cieli del Cadore, Ampezzo, Belluno e Feltre, scrissero una delle pagine più belle della storia della nostra aviazione.
Questo libro propone i racconti che appartengono a questa storia: la scelta dei campi di volo, i molti, troppi problemi tecnico-operativi dovuti all'ambiente e ai vecchi biplani, le azioni di guerra; il tutto corredato dalla riscrittura dei diari storici e da un'analisi statistica dettagliata che aiutano il lettore ad immedesimarsi nella difficile vita quotidiana degli equipaggi di volo e degli specialisti di una Squadriglia di aviazione della prima guerra mondiale.

ISBN: 978 8898 234103
Cod. 3105E
- EUR 20,00
Offerta speciale
EUR 17,00

STORICO

256 pp. - ill. b/n - brossura - ed. 2014
In italiano
Aeronautica Militare, Ufficio storico

CARA MAMMA
Storia e Storie della Grande Guerra
Vitoronzo Pastore

Con saggio storico-critico del Cav. dr. Michele Miulli

Nel volume sono pubblicate 115 illustrazioni storiche, oltre 380 corrispondenze da e per il fronte: cartoline illustrate, cartoline paesaggistiche, franchigie, franchigie illustrate, lettere in busta, inoltrate dagli Uffici Postali Militari delle Armate, Corpi d'Armata, Divisioni, Reggimenti.
Spedite dalle trincee, prime linee, seconde linee, Reparti di riserva, Sezioni di Sanità, Ospedali da Campo, Ospedali Militari. Oltre 30 tavole topografiche del Corso Accademico dell'anno 1936 dell'Accademia della Scuola Militare di Modena, oltre 40 documenti e immagini fotografiche inedite.
La prima parte è dedicata al susseguirsi degli eventi storici che sconvolsero l'Europa in seguito all'omicidio di Sarajevo: l'entrata in guerra e l'attacco degli imperi centrali ad ovest e la neutralità italiana.
I successivi capitoli sono dedicati all'entrata in guerra del Regno d'Italia, all'organizzazione delle Regie Poste, degli Uffici Postali Militari, delle cartoline postali in franchigia, della filatelia durante il conflitto e della censura postale. Segue il Concentramento Postale militare di Bologna e Treviso, la corrispondenza militare del Comando Supremo, delle Armate e dei Corpi d'Armata.
Molto particolareggiato è lo spazio dedicato alle corrispondenze inoltrate durante le 12 battaglie dell'Isonzo, della battaglia punitiva (Strafexpedition), della battaglia dell'Ortigara e della battaglia della Bainsizza.
Si parla della drammatica vicenda di Caporetto e della sostituzione del comandante supremo del Comando dell'Esercito Italiano: Luigi Cadorna, avvicendato da Armando Diaz, con la corrispondenza inoltrata durante la ritirata dall'Isonzo al Tagliamento e poi al Piave. Non manca l'esodo delle popolazioni friulane e venete.
Un intero capitolo è riservato ai Campi di Prigionia, con la trascrizione di oltre 70 corrispondenze dai campi dei territori Austro-ungarici-tedeschi, incluse le sofferenze per malattie e i decessi per fame.

Cod. 2605E
- EUR 25,00

L'autore devolverà il suo provento in beneficenza.

688 pp. - ill. b/n - brossura - ed. 2015
In italiano

L'ITALIA NEUTRALE
1914-1915
a cura di Giovanni Orsina e Andrea Ungari

Il volume prende le mosse dal convegno che si svolse nel dicembre 2014 presso l'Università Luiss-Guido Carli, organizzato dalla stessa Università, dallo Stato Maggiore dell'Esercito e dall'Istituto di Studi Politici "S. Pio V" di Roma. I saggi contenuti nel presente volume hanno l'ambizione di inquadrare le decisioni che i vertici politici, diplomatici e militari italiani presero nei dieci mesi della neutralità e che portarono l'Italia a entrare nella Prima Guerra Mondiale.

Cod. 3114E
- EUR 34,00
Offerta speciale
EUR 28,90

STORICO

604 pp. - brossura - ed. 2016 - Rodorigo Ed.
In italiano