Filatelia

Libreria Filatelica

Catalogo generale
aggiornato on-line ogni settimana

Filatelia e storia postale, cartoline, cataloghi, colonie, falsi, fiscali, guide e manuali, posta aerea, marittima e militare, prefilatelia, tariffe postali, tematica, numismatica e collezionismo.

Sfoglia il catalogo

Scarica il pdf

Ultimo aggiornamento: 16/07/2019
selezione attiva
POSTA MILITARE annulla selezione
1 GUERRA MONDIALE annulla selezione
LA GRANDE GUERRA NEL CENTENARIO
2 VOLUMI + CATALOGO DEI BOLLI POSTALI
Beniamino Cadioli - Bruno Crevato-Selvaggi - Piero Macrelli

Opera in due tomi più catalogo, che illustra tutta la posta militare italiana nel primo conflitto mondiale. Dopo una esauriente, rigorosa ma discorsiva e molto illustrata introduzione storico-postale, l'opera cataloga tutti gli uffici di posta militare. Per ciascuno propone la cronologia storica dell'Unità , quella storico-postale, la riproduzione al naturale di tutti bolli noti e una selezione di documenti, con immagini di alta qualità . Il primo tomo tratta di tutti gli uffici meno quelli di Divisione, il secondo di questi ultimi. Il terzo tomo, di formato ridotto, valuta tutti i bolli con una consolidata scala di punti.

Nuovo
Cod. 2716E
- EUR 90,00
Offerta speciale
EUR 76,50

422/360/272 pp. - ill. a colori - ril. - ed. 2018/2019
VALUTAZIONI IN PUNTI CON SCALA IN EURO
In italiano

LA GRANDE GUERRA
Raccontata dalle cartoline
Giuseppe Tomasoni - Carmelo Nuvoli

Il volume, illustrato da cartoline dell'epoca, documenta il conflitto della "Grande Guerra" con particolare riguardo al fronte alpino, territorio che fino al 4 novembre 1918 apparteneva all'Impero austro-ungarico e faceva parte del Tirolo. I fatti che si svolsero in quegli anni sono raccontati attingendo da giornali, riviste, diari e libri dell'epoca, nonché da documenti originali, qui presentati per la prima volta, provenienti dalle collezioni degli autori, dal Museo della Cartolina di Isera, dal Museo del Risorgimento di Trento e da archivi pubblici e privati. Si è dato rilievo a fatti secondari e curiosi, narrati da testimoni oculari o appresi dai diari scritti in quel lustro ricco di notizie spesso angosciose.

ISBN: 9788888203249
Cod. 1774E
- EUR 39,00
Offerta speciale
EUR 31,20

ULTIME COPIE AD ESAURIMENTO!

344 pp. - ill. a colori - brossura - grande formato - ed. 2004
In italiano

STEMPEL-HANDBUCH DER K.U.K. FELDPOST IN ÖSTERREICH-UNGARN 1914-1918
2. Auflage
Herwig Rainer

MANUALE DEI BOLLI DI POSTA MILITARE IN AUSTRIA-UNGHERIA 1914-1918

Seconda edizione, notevolmente aggiornata e ampliata, del manuale dei bolli di posta militare di Austria-Ungheria (1914-1918). Vengono catalogati e illustrati gli uffici postali da campo 1914-1918 (aggiunto un nuovo capitolo sugli uffici postali da campo anche prima del 1914), i bolli di controllo, gli annulli numerali, le agenzie e gli uffici senza bolli propri, bolli di raccomandazione, ufficio di posta militare marittimo a Pola, uffici principali con i nomi delle località, prigionieri dei campi di guerra, bolli della Marina Imperiale, bolli di servizio, annulli di censura.
Per ognuno vi sono le caratteristiche del bollo, il numero e le date d'apertura e chiusura degli uffici, le etichette di raccomandazione.

Cod. 1661E
- EUR 65,00
Offerta speciale
EUR 45,50

372 pp. - ill. b/n e a colori - ril. - ed. 2003
VALUTAZIONI IN PUNTI
In tedesco con prefazione e introduzione anche in inglese, italiano, croato, ceco e ungherese

TARIFFE POSTALI DEI PAESI ITALIANI
CATALOGO DEI BOLLI DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE
ANNUARIO A.I.C.P.M. 2008
a cura di Beniamino Cadioli, Benito Carobene, Emanuele M. Gabbini, Gianfranco Mazzucco, Nicolino Parlapiano e Piero Macrelli

Associazione Italiana Collezionisti Posta Militare

Oltre all'aggiornamento dell'annuario dell'AICPM, in un unico volume due importanti studi.
Le "Tariffe postali dei paesi italiani" di Benito Carobene è la seconda parte del lavoro già pubblicato nel 2005 con le tariffe italiane dal 1863 al 2000. "[...] il mio obiettivo è quello di permettere a qualsiasi collezionista di sapere con quali tariffe è stato usato un qualsiasi francobollo che sia riportato su un catalogo dei francobolli di Italia e Paesi italiani. [...] quei tariffari che sono stati in vigore mentre venivano usati francobolli particolari emessi per essere adoperati in quel periodo e in quell'area."
I servizi presi in esame sono solo quelli relativi alle corrispondenze, e non è inclusa la corrispondenza via aerea. Il periodo in esame va dal 1° marzo 1861 o 1° aprile 1879 (estero) fino al 2000.
Il "Catalogo-inventario dei bolli della posta militare italiana nella prima guerra mondiale" di Beniamino Cadioli elenca i relativi bolli nei diversi periodi d'uso presso le grandi unità cui gli uffici di posta militare erano assegnati, secondo la loro dicitura in chiaro o il numero convenzionale distintivo. L'elenco si limita ai bolli postali tondi, principalmente quelli metallici a datario, normalmente impressi sulle corrispondenze, con poche motivate eccezioni in caso altri bolli fossero gli unici in dotazione e quindi venissero usati anche per la corrispondenza. Sono quindi inclusi tutti i bolli noti come annullatori dei francobolli nonché quelli apposti in transito, in genere dagli uffici di concentramento PM, specie al verso di raccomandate ed assicurate. Non è inclusa la marina militare.
Sono presenti anche quotazioni.

Cod. 2178E
- EUR 40,00
Offerta speciale
EUR 24,00

376 pp. - no ill. - brossura - ed. 2008
CON VALUTAZIONI
In italiano

ANCHE IN OMAGGIO (classe B)

THE CENSORSHIP OF THE CIVIL MAILS IN ITALY
AND ITS COLONIES DURING WORLD WAR ONE
Fil-Italia Handbooks Number Eight
Alan Becker

LA CENSURA DELLA POSTA CIVILE IN ITALIA E NELLE SUE COLONIE DURANTE LA PRIMA GUERRA MONDIALE
Guide Fil-Italia n.8

Nel presente volume l'autore ha unito tutte le informazioni raccolte in 35 anni di studio. Una breve nota storica, estratti dai regolamenti anche militari, gli uffici che si occupavano della censura della posta civile, tutti i bolli conosciuti con la riproduzione di ogni tipo. Numerose le illustrazioni di bolli e di corrispondenze censurate.

Cod. 2302E
- EUR 45,00
Offerta speciale
EUR 36,00

ULTIME COPIE AD ESAURIMENTO!

158 pp. - ill. a colori - ril. ad anelle - ed. 2010
In inglese

IL RACCONTO POSTALE DELLA GRANDE GUERRA
Origini della comunicazione di massa in Italia e in Romagna
Propaganda e satira nel primo conflitto mondiale
Francesco Billi

La Grande Guerra pose per la prima volta le masse europee di fronte alle ideologie, alle speranze e ai timori di un mondo complesso, tecnologico e globalizzato: fu per il Vecchio Continente il big bang dell'età contemporanea. Grazie ad un ampio repertorio iconografico, questo libro si propone di ripercorrere la tragedia del primo conflitto mondiale attraverso più di 250 immagini nelle quali si rappresentano i miti, i simboli e i riti della Grande Guerra in figure di rara suggestione. Nell'anno zero della comunicazione le iconografie e le testimonianze postali prodotte dal 1914 al 1919, in ambito pubblico e privato, generano un mosaico di cronache e immagini in grado ora di raccontarci il conflitto alle origini della nostra società: dai revival di Dante e Garibaldi allo sviluppo della propaganda moderna, da raffinati illustratori alla dissacrante satira politica, passando per gli eroi romagnoli, la nascita del mito americano, il bombardamento di Ravenna, la leggenda di Baracca, fino alla vittoria.

Cod. 2603E
- EUR 15,00

208 pp. - ill. b/n e a colori - brossura - ed. 2015
In italiano

CARA MAMMA
Storia e Storie della Grande Guerra
Vitoronzo Pastore

Con saggio storico-critico del Cav. dr. Michele Miulli

Nel volume sono pubblicate 115 illustrazioni storiche, oltre 380 corrispondenze da e per il fronte: cartoline illustrate, cartoline paesaggistiche, franchigie, franchigie illustrate, lettere in busta, inoltrate dagli Uffici Postali Militari delle Armate, Corpi d'Armata, Divisioni, Reggimenti.
Spedite dalle trincee, prime linee, seconde linee, Reparti di riserva, Sezioni di Sanità, Ospedali da Campo, Ospedali Militari. Oltre 30 tavole topografiche del Corso Accademico dell'anno 1936 dell'Accademia della Scuola Militare di Modena, oltre 40 documenti e immagini fotografiche inedite.
La prima parte è dedicata al susseguirsi degli eventi storici che sconvolsero l'Europa in seguito all'omicidio di Sarajevo: l'entrata in guerra e l'attacco degli imperi centrali ad ovest e la neutralità italiana.
I successivi capitoli sono dedicati all'entrata in guerra del Regno d'Italia, all'organizzazione delle Regie Poste, degli Uffici Postali Militari, delle cartoline postali in franchigia, della filatelia durante il conflitto e della censura postale. Segue il Concentramento Postale militare di Bologna e Treviso, la corrispondenza militare del Comando Supremo, delle Armate e dei Corpi d'Armata.
Molto particolareggiato è lo spazio dedicato alle corrispondenze inoltrate durante le 12 battaglie dell'Isonzo, della battaglia punitiva (Strafexpedition), della battaglia dell'Ortigara e della battaglia della Bainsizza.
Si parla della drammatica vicenda di Caporetto e della sostituzione del comandante supremo del Comando dell'Esercito Italiano: Luigi Cadorna, avvicendato da Armando Diaz, con la corrispondenza inoltrata durante la ritirata dall'Isonzo al Tagliamento e poi al Piave. Non manca l'esodo delle popolazioni friulane e venete.
Un intero capitolo è riservato ai Campi di Prigionia, con la trascrizione di oltre 70 corrispondenze dai campi dei territori Austro-ungarici-tedeschi, incluse le sofferenze per malattie e i decessi per fame.

Cod. 2605E
- EUR 25,00

L'autore devolverà il suo provento in beneficenza.

688 pp. - ill. b/n - brossura - ed. 2015
In italiano

LA CENSURA POSTA ESTERA IN ITALIA
NELLA PRIMA GUERRA MONDIALE
I Quaderni dell'Aicpm - n.8, 2018
Emilio Simonazzi

Con la collaborazione di Beniamino Cadioli

Il 23 maggio 1915, il giorno prima dell'entrata dell'Italia in guerra, il Governo propose al Sovrano l'emanazione del Regio decreto n. 689, con il quale venne istituita la censura postale. Tale decreto viene qui riportato, assieme al Regolamento per l'esercizio della censura della posta da e per l'estero. L'attività di censura era infatti rivolta soprattutto alla corrispondenza che proveniva o era diretta all'estero. Questo portò all'istituzione sul territorio nazionale di appositi uffici posta estera di censura militare in località opportunamente scelte e qui trattate: Bologna, Bologna sezione di Rimini, Milano, Genova, Campione, Ponte Chiasso, Valona, Trieste.
Quasi un centinaio sono le buste e le cartoline riprodotte, con i relativi bolli in evidenza, suddivisi e catalogati per città.

Cod. 2707E
- EUR 10,00

88 pp. - ill. a colori - brossura - ed. 2018
In italiano
CON SCALA DI VALUTAZIONE DEI BOLLI E DELLE ETICHETTTE

POSTE MILITARI ITALIANE della prima guerra mondiale
(Fronte Italiano e Albanese)
Luciano Buzzetti

Catalogo sui timbri del servizio di Posta Militare Italiana nella Prima guerra mondiale sin dal periodo della mobilitazione nel 1915. L'autore ha suddiviso i timbri in sei gruppi secondo la seguente classificazione: Timbri «Guller» con dicitura «Ufficio Posta Militare» o «Direzione Posta Militare»; timbri «Guller» con dicitura «Posta Militare»; timbri con datario utilizzati in modo sostitutivo al «Guller»; timbri di reparti staccati, Btg.costieri, Ospedali, Enti di Assistenza, Reparti Militari, di varia foggia, ovali, tondi, riquadrati, etc.; timbri di altro tipo richiamati se usati come annullatori (non valutati); tutti i timbri di censura (non valutati).

Cod. 180E
- EUR 10,00
Offerta speciale
EUR 5,00

295 pp. - brossura - ed. 1991
VALUTAZIONI IN LIRE
In italiano
Copie con lievissimi DIFETTI solo della copertina ma interno perfettamente nitido

ANCHE IN OMAGGIO (classe B)

LA GRANDE GUERRA
NARRATA AL FEMMINILE
Rosalba Pigini

Completamente illustrato con cartoline, fotografie, francobolli e documenti, il volume raccoglie 14 articoli apparsi in quattro anni sulla rivista L'Arte del Francobollo dedicati alla Grande Guerra vista al femminile.

Cod. 2724E
- EUR 16,00

64 pp. - ill.a colori - brossura - ed. 2018
In italiano

I SEGNATASSE PROVVISORI DI BOLZANO E DELL'ALTO ADIGE
alla fine della prima guerra mondiale
LOKALE PORTOPROVISORIEN IN BOZEN UND SÜDTIROL
am Ende des Ersten Weltkrieges
Carlo Ciullo

La prima guerra mondiale volge al termine. Il 3/11/1918 Italia ed Austria sottoscrivono l'Armistizio di pace, che sarà firmato soltanto il 10/9/1919. A Bolzano e nell'Alto Adige regna una situazione d'incertezza sulla sorte del territorio occupato, che si riflette anche sul servizio postale. L'inoltro della corrispondenza in questi mesi costituisce una faccenda spinosa per le autorità responsabili. Specialmente quando gli invii avvengono senza affrancatura o con affrancatura solo parzialmente assolta, sorgono gravi difficoltà: perché, se per un verso il paese è sottoposto all'occupazione italiana - quindi tenuto all'impiego dei segnatasse italiani - per l'altro verso questi segnatasse, anche soprastampati, sono assolutamente mancanti, quanto meno fino ai primi di marzo del 1919. Ciò costringe la Direzione Superiore delle Poste di Trento ad autorizzare, con due circolari gli uffici postali altoatesini alla trasformazione, in caso di necessità, di francobolli in segnatasse provvisori mediante contrassegno o soprastampa. Ogni singolo ufficio ha facoltà di regolarsi a discrezione.

Cod. 1324E
- EUR 20,00
Offerta speciale
EUR 14,00

128 pp. - ill. a colori - brossura - ed. 1999
Bilingue italiano-tedesco

ANCHE IN OMAGGIO (classe C)